Progetti

Il Consiglio Comunale dei Ragazzi viene eletto nelle scuole, dagli alunni iscritti alla quinta della scuola primaria e alla prima, seconda e terza della scuola secondaria di primo grado.

Le classi quinte primarie e le classi prime della scuola secondaria eleggono i loro rappresentanti, un consigliere e una consigliera, un vice-consigliere e una vice-consigliera. Negli anni successivi, i consiglieri in carica solitamente confermano il loro mandato o vengono sostituiti dai loro vice.

Ai consiglieri è affidato l’importante compito di rappresentare la loro classe alle sedute del Consiglio, consultando prima i compagni di classe per raccogliere idee e opinioni sugli argomenti che più li interessano e che verranno discussi. Ogni classe presenta in genere UN PROGETTO, che verrà condiviso e votato dall’Assemblea del CCR. I Consiglieri hanno il compito di riportare alla classe quanto è stato detto e fatto durante la seduta. Le discussioni in classe avvengono quindi prima e dopo le sedute, con l’ aiuto degli insegnanti di riferimento. Dopo le sedute avviene di regola la lettura del verbale in classe.

Il Consiglio si riunisce di norma ogni quaranta giorni, in Municipio o al Centro Giovanile Torrazza, in orario extrascolastico (dalle 17.00 alle 19.00).

Durante le sedute sono sempre presenti le figure delle “Facilitatrici”, per garantire il corretto svolgimento dei lavori di discussione, la partecipazione di tutti e l’approvazione delle decisioni finali. I Consiglieri hanno il diritto-dovere di:
– ascoltare le proposte di tutti, anche dei più piccoli, senza interrompere o svalutare opinioni diverse;
-prenotare ogni intervento alzando la mano;
-portare le idee della classe che rappresentano.

Verso la fine dell’anno scolastico, il CCR incontra il Consiglio Comunale degli adulti appositamente convocato.

Alle volte vengono consultate o coinvolte nei progetti anche alcune Associazioni del territorio (ad es, Zeula), gli educatori del Centro Giovanile Torrazza ed esperti vari che aiutano i ragazzi nella realizzazione dei progetti più impegnativi.

I progetti proposti dalle varie classi vengono tutti presi in considerazione e discussi insieme alle facilitatrici e a volte anche agli esperti esterni, per valutare i costi e la fattibilità. Si decide quindi insieme come procedere e quali progetti verranno portati avanti nel corso dell’anno.

 

Nessun commento lasciato

Lascia una risposta