Centri diurni e centri sociali

Progetti Area Relazioni 2011-2012
PROGETTO DI CONOCENZA DEI CENTRI DIURNI E DEI CENTRI SOCIALI

CLASSE V A  – Scuola Primaria Albergati

Il nostro percorso nasce da “Zola città gentile”, che è il filo conduttore di tutti i progetti del Consiglio Comunale dei ragazzi e delle ragazze di quest’anno scolastico. Esso prevede l’impegnarsi per rendere il comune di Zola Predosa una città dove vivere meglio sia dal punto di vista ambientale che relazionale.

Inizialmente abbiamo formulato tre ipotesi:
– Stare bene nel nostro giardino
– Fare compagnia a disabili e anziani
– Aiutare gli stranieri a parlare la nostra lingua

Centro Diurno

Centro Diurno

Alla fine, visto che per la prima volta è emerso nel C.C.R. una proposta di “volontariato”, abbiamo deciso di attuare il secondo progetto. In classe abbiamo parlato dei centri diurni e dei centri sociali.
I centri diurni sono luoghi dove gli anziani trascorrono la giornata in compagnia di altri anziani, facendo attività ricreative e culturali.
I centri sociali sono luoghi dove gli anziani e le famiglie si trovano per trascorrere il tempo libero. Nel comune di Zola Predosa ci sono 4 centri sociali : “Ilari Alpi” a Ponte Ronca, “Susanna Molinari” a Madonna Prati, “Giovanni Falcone” a Riale e “Sandro Pertini” a Lavino.
Noi abbiamo visitato entrambe le realtà.
Siamo andati prima a conoscere gli anziani del centro diurno “G. Biagini” di Zola Predosa e siamo rimasti stupiti di quante cose belle facessero: oggetti e manufatti che vendono durante una festa che organizzano nel mese di ottobre. Poi abbiamo giocato con loro a tombola, vincendo anche un sacco di premi!
Infine abbiamo fatto merenda insieme. Durante la seconda visita gli anziani hanno recitato la favola di Cappuccetto Rosso e noi ci siamo esibiti in una danza.
A metà maggio siamo andati a visitare il centro sociale “S. Pertini”, dove abbiamo fatto un torneo di
briscola a coppie con gli anziani presenti. Questa esperienza è servita a capire che gli anziani ci possono regalare momenti divertenti ed emozionanti e con la loro pazienza ci possono insegnare tante cose.

< 2011-12: Zola Città Gentile

Nessun commento lasciato

Lascia una risposta